GLI SPAZI DELL’APPRENDIMENTO NELLA SCUOLA D’AVANGUARDIA \ LEARNING SPACES IN FRONTLINE SCHOOLS

Isabella Donato, Elena Mosa, Luisa Vigliecca

Abstract


Space and teaching time are key coordinates to rethink a school model based mainly on the transmission of knowledge. It often happens, when working on one of these dimensions, the occurrence of a ripple effect also on the other. For example, when a teacher reverses the flipped classroom through a different articulation and management of the time, the traditional lesson sense becomes the homework and class time is used for conducting collaborative activities, discussions or workshops. These require the setting designed for centering the student, beyond the logic of parallel files in the chair and benches, functional only for the information transfer and not for searching and selecting sources, negotiating or sharing them. The fluidity of communication processes triggered by ICT clashes with physical environments no longer able to respond to constantly changing educational contexts, and requires a gradual rethinking of the spaces and places that must provide flexible, multi-purpose solutions, modular and easily configurable according to the activity, able to meet increasingly diverse educational settings. Spaces designed like that encourage the involvement and active exploration of the student and well-being.

Lo spazio e il tempo della didattica sono coordinate chiave per ripensare un modello di scuola principalmente basato sulla trasmissione del sapere.  Accade spesso che quando si interviene su una di queste dimensioni si verifichi un effetto a catena anche sull’altra. Ad esempio, quando un docente inverte la didattica con la flipped classroom attraverso una diversa articolazione e gestione del tempo, la lezione tradizionalmente intesa diventa il compito a casa mentre il tempo in classe viene utilizzato per lo svolgimento di attività collaborative, dibattiti o laboratori. Queste richiedono dei setting pensati per mettere al centro lo studente, superando la logica dei banchi in file parallele e della cattedra, unicamente funzionali per ricevere informazioni e non per cercare e selezionare fonti, negoziarle e condividerle. La fluidità dei processi comunicativi innescati dalle ICT si scontra con ambienti fisici non più in grado di rispondere a contesti educativi in continua evoluzione e impone un graduale ripensamento degli spazi e dei luoghi che devono prevedere soluzioni flessibili, polifunzionali, modulari e facilmente configurabili in base all’attività svolta, in grado di soddisfare contesti educativi sempre diversi. Spazi così concepiti favoriscono il coinvolgimento e l’esplorazione attiva dello studente e lo star bene a scuola.

 

 

Article visualizations:

Hit counter

DOI

Keywords


educational paradigm, learning environment, frontline schools \ modello educativo, ambiente di apprendimento, scuola d’avanguardia

References


Augé, M., (2009). Nonluoghi. Introduzione a un'antropologia della surmodernità, Elèuthera, Milano

Borri S. (a cura di), (2016). Spazi educativi e architetture scolastiche: linee e indirizzi internazionali, Indire, Firenze

Biondi G., Borri S., Tosi L. (a cura di), (2016) Dall’aula all’ambiente di apprendimento, Altralinea edizioni, Firenze

Campione V. (a cura di) (204), Apprendere in digitale. Come cambia la scuola in Italia e in Europa, Guerini e Associati, Milano

Coin, F. (2014). Didattica enattiva: cos’è e cosa può fare. Formazione & Insegnamento. Rivista internazionale di Scienze dell'educazione e della formazione, 11(4), 127-134, Pensa Multimedia, Lecce

Disponibile alla url: http://ojs.pensamultimedia.it/index.php/siref/article/view/395/382

Cousinet, R. (1975). Un metodo di lavoro libero per gruppi, La Nuova Italia, Firenze

Edwards, C. G., & Gandini, L. L., & Forman, G.(Eds.). (1998). The hundred languages of children: The Reggio/Emilia approach–Advanced reflections. (2nd ed.). Westport, CT: Ablex

Frabboni, F. (1985). Scuola e ambiente, Mondadori, Milano

Garavaglia, A., & Ferrari, S. (2012). A model for defining digital classroom settings. Procedia-Social and Behavioral Sciences, 46, 1983-1987, Elsevier, Milano

Disponibile alla url: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1877042812015443/pdf?md5=7f5913337057abc20536da4ba9ba5818&pid=1-s2.0-S1877042812015443-main.pdf

Gennari, M. (1997). Pedagogia degli ambienti educativi, Armando Editore, Roma

Hall, E. T. (1968). La dimensione nascosta, Bompiani, Milano

Montessori, M. (2008). Educare alla libertà, Oscar Mondadori, Milano

Montessori, M. (2000). L'autoeducazione, Garzanti Elefanti, Milano

Mosa, E (2015), La scuola, al tempo del digitale, Cittadini Italiani in Crescita, rivista dell’Istituto degli Innocenti, Firenze.

Versione a stampa e versione digitale: http://www.minori.it/sites/default/files/cittadini_in_crescita_2013_1.pdf

Pontecorvo, C. (2005). Discorso e apprendimento: una proposta per l'autoformazione degli insegnanti, Carocci, Roma

Proshansky, E., & Wolfe, M. (1974). The physical setting and open education. The School Review, 82(4), 557-574, American Journal of Education

Anteprima disponibile a questa url: http://www.journals.uchicago.edu/doi/pdfplus/10.1086/443150

Washburne, C. W. (1952). Le scuole di Winnetka, La Nuova Italia, Firenze

Sitografia per approfondire

Abitare la scuola, Indire

http://www.bdp.it/aesse/

Ambienti di apprendimento innovativi – Una panoramica tra ricerca e casi di studio, Mosa E., Tosi L. (2016) BRICKS, vol. 6, n.1, 2016, issn: 2239-6187, AICA-SIe-L, www.rivistabricks.it

Avanguardie educative

http://avanguardieeducative.indire.it/

Avanguardie educative: proposte di innovazione sostenibile Ripensare lo spazio ed il tempo del fare scuola significa rivederne i paradigmi educativi alla base attraverso un totale cambio di metodo e di approccio. Il Giornale dell’Agenda Digitale di Elena Mosa

http://www.agendadigitale.eu/smart-cities-communities/avanguardie-educative-proposte-di-innovazione-sostenibile_1491.htm

Norme tecniche delle Linee guida (2013). http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/8130e730-2e8c-4b03-ab12-e37ab5d59849/cs110413_all1.pdf

Quando lo spazio insegna, Indire

http://www.indire.it/quandolospazioinsegna/


Refbacks

  • There are currently no refbacks.


 

 

 

 

Copyright © 2015. European Journal of Education Studies (ISSN 2501 - 1111) is a registered trademark of Open Access Publishing GroupAll rights reserved.

This journal is a serial publication uniquely identified by an International Standard Serial Number (ISSN) serial number certificate issued by Romanian National Library (Biblioteca Nationala a Romaniei). All the research works are uniquely identified by a CrossRef DOI digital object identifier supplied by indexing and repository platforms.

All the research works published on this journal are meeting the Open Access Publishing requirements and can be freely accessed, shared, modified, distributed and used in educational, commercial and non-commercial purposes under a Creative Commons Attribution 4.0 International License (CC BY 4.0).